Home » News » Disponibile in italiano la nuova pubblicazione europea “Costruire una cultura dell’inclusione con eTwinning”

19 febbraio 2018

Disponibile in italiano la nuova pubblicazione europea “Costruire una cultura dell’inclusione con eTwinning”

Il libro, già scaricabile in versione pdf, presenta una selezione di progetti e attività che promuovono l’istruzione inclusiva e mostra in che modo insegnanti e studenti eTwinning possono contribuire ad affrontare le attuali sfide educative sul tema. Tra le esperienze proposte anche quella della ricercatrice Indire Giuseppina Cannella sull'inclusione delle scuole rurali italiane attraverso eTwinning.

di Lorenzo Mentuccia

L’Unità eTwinning europea ha da pochi giorni messo a disposizione l’ultima pubblicazione “Building a culture of inclusion with eTwinning” in 26 lingue, italiano incluso.

Il nuovo testo, dal titolo “Costruire una cultura dell’inclusione con eTwinning”, presenta una selezione di progetti e attività che promuovono l’istruzione inclusiva e mostra in che modo il lavoro con eTwinning possa efficacemente contribuire a questo scopo. In proposito il libro riporta testimonianze dirette di studenti, docenti e dirigenti scolastici coinvolti in progetti di gemellaggio attraverso la piattaforma.

Più in dettaglio, la pubblicazione affronta i seguenti argomenti, suddivisi in quattro capitoli: 1) panoramica sul concetto di inclusione; 2) garantire l’accesso all’istruzione nelle zone isolate; 3) favorire la comprensione interculturale; 4) affrontare le sfide educative sull’inclusione.

Tra i contributi proposti anche quello di Giuseppina Cannella, ricercatrice Indire per il progetto Piccole Scuole, con un focus sulle pratiche didattiche nelle scuole isolate: il caso delle piccole scuole rurali in Italia. “In quasi tutti i paesi del mondo ci sono zone geograficamente difficili per i loro abitanti – spiega la ricercatrice – e in alcune nazioni queste aree sono più numerose o vaste che in altre. Gli studenti che vivono in queste zone devono spesso affrontare problemi come le lunghe distanze da percorrere per raggiungere la scuola più vicina o il fatto che, frequentando una scuola piccola e con un ridotto numero di studenti, hanno poche occasioni di entrare in contatto con ambienti più ampi rispetto al loro contesto. Questi studenti – prosegue Cannella – a volte, si sentono isolati rispetto al resto del mondo. La tecnologia e i progetti come eTwinning possono aiutare gli insegnanti ad affrontare queste sfide e gli studenti a comunicare con i pari in altre nazioni”.

L’introduzione è affidata a Tibor Navracsics, Commissario europeo per l’istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport: “Ogni persona ha diritto a un’istruzione, a una formazione e a un apprendimento permanente di qualità e inclusivi, al fine di mantenere e acquisire competenze che consentono di partecipare pienamente alla società e di gestire con successo le transizioni nel mercato del lavoro.

Clicca qui per scaricare il testo in versione pdf e scoprire le storie, gli esempi e le idee, che ci auguriamo saranno una risorsa e una fonte d’ispirazione per tutti gli insegnanti e contribuiranno allo sforzo di costruire una cultura dell’inclusione.


LINK UTILI