Didattica e gemellaggi elettronici in Europa

Home » Esperienze » A SCUOLA DI MUSICA E CUCINA TEDESCA, CON L’AIUTO DEI NONNI

A SCUOLA DI MUSICA E CUCINA TEDESCA, CON L’AIUTO DEI NONNI Altre esperienze

Recuperando antiche tradizioni culinarie e della cultura popolare il progetto ha saputo coinvolgere più generazioni in varie attività didattiche, con l’obiettivo di sviluppare un utilizzo consapevole delle TIC  e competenze comunicative e sociali in alunni di scuole secondarie di secondo grado. Il viaggio a ritroso, valorizzato dal confronto interattivo con i nostri partner, ha evidenziato il legame storico e culturale tra Italia e Germania, utilizzando vari strumenti tecnologici con cui i ragazzi hanno sviluppato competenze comunicative e trasversali, in un percorso creativo di crescita condivisa. Il progetto ha aperto la scuola ad un orizzonte internazionale con utilizzo e potenziamento in situazione comunicativa delle lingue straniere. Il lavoro, nelle varie attività pianificate tra i docenti partner, si è svolto secondo modalità interattiva in gruppi internazionali di alunni.


Titolo progetto
A tavolaa! Sagen, Musik und Gebräuche alles für unsere Bäuche!

Docente
Emma Giurlani

Scuola
Liceo Linguistico "G. Pico" / I.I.S. "G. Luosi" di Mirandola (MO)

Scuole partner
Kepler Gymnasium, Weiden in der Oberpfalz (Germania)

Anno scolastico
2014/2015

Principali materie
Arte, Cross Curricular, Educazione civica, Educazione ambientale, Geografia, Informatica / TIC, Lingue Straniere (Tedesco, Inglese, Italiano), Musica, Storia

Lingua di scambio
Tedesco, Inglese, Italiano

Età degli alunni / Numero degli alunni coinvolti
15/17. Alunni coinvolti in totale: 50



Ero alla ricerca di un rinnovamento totale del modo di fare scuola in connessione con un mondo che cambia velocissimamente. Con eTwinning io e la mia scuola siamo parte di una community che connette migliaia di insegnanti di tutta Europa, dando a noi e ai nostri alunni la possibilità di sentirsi immediatamente cittadini d’Europa. eTwinning è per noi condivisione di  idee, esperienze e risorse educative, è vera peer education e creatività realizzata in collaborazione interattiva a tutti i livelli, indipendentemente dal tipo di scuola, paese  o dall’età dei ragazzi. giurlaniHa portato nella vita professionale mia e dei miei colleghi la possibilità di condividere innovazioni metodologiche e tecnologiche  senza il bisogno di essere degli esperti di informatica. Supporto incomparabile dal punto di vista professionale: è una vera possibilità di ampilamento del nostro orizzonte didattico, centrato sugli alunni e non solo sui contenuti. Per i ragazzi significa essere creatori del proprio sapere, significa entusiasmo. Emma Giurlani

 

  • Obiettivi e attività

OBIETTIVI
L’obiettivo principale del progetto è stato cercare di sviluppare nei ragazzi un utilizzo consapevole delle TIC e di competenze comunicative e sociali.

ATTIVITA’
Il lavoro nelle attività di progetto si è svolto secondo modalità interattiva in gruppi internazionali di alunni. L’organizzazione e la pianificazione delle attività sono state svolte con la docente cofondatrice a distanza, attraverso SkyPe. Secondo i principi del teaching design i ragazzi sono stati completamente coinvolti nelle scelte progettuali. Le attività sono svolte in team internazionali di alunni, con istruzioni condivise dai ragazzi per creazione gruppi e realizzazione successiva lavori di gruppo. I membri del gruppo fungevano da tutor linguistici nei confronti dei partner. Alunni che già conoscevano i tools utilizzati li insegnavano agli altri. I gruppi hanno creato e pubblicato tutorials degli strumenti utlizzati ad uso dei futuri users . Per una maggiore fruibilità da parte di tutti i tutorials sono stati realizzati in inglese. Come ogni progetto eTwinning ogni comunicazione si è svolta in lingua straniera  (tedesco e inglese). I gruppi hanno realizzato prodotti multimediali sulle ricette storiche del luogo anche grazie alla partecipazione diretta di genitori e nonni nelle attività di progetto.

Fasi principali:Gruppenarbeit

a) realizzazione di schede di raccolta delle idee;
b) realizzazione scheda “catastrofe strategica” (pianificazione obiettivi/attività);
c) realizzazione scheda SWAT (punti di forza, punti di debolezza, opportunità, minacce);
d) realizzazione matrice RACI (attribuzione di compiti e responsabilità);
e) realizzazione lavori di gruppo e presentazioni;
f) realizzazione di ricette con la collaborazione di genitori e nonni.

  • Tools utilizzati

Padlet:  per interazione diretta tra allievi per scambio di idee e opinioni https://it.padlet.comlavori di gruppo
Thinglink:  per la presentazione dei ragazzi https://www.thinglink.com/
Tagul: per realizzare i loghi del progetto https://tagul.com/
Tricider: per inserire le proposte e votazione del logo di progetto https://www.tricider.com/
eMaze: per presentazione dei lavori di gruppo https://www.emaze.com/it/ 
Epubeditor: per quiz finali e parole crociate http://www.epubeditor.it/
Whats App, Google Docs e Drive: per chat, condivisione e creazione di questionari di gradimento

  • Metodologia didattica

Teaching design; Lavoro in team; Flipped classroom; Peer to peer; Peer education; CLIL (L2 o L3).

  • Risultati

Il progetto ha aperto la scuola ad un orizzonte internazionale con utilizzo e potenziamento in situazione comunicativa delle lingue straniere. I ragazzi si sono confrontati con coetanei di un altro paese, hanno appreso in modo autogestito l’utilizzo responsabile di vari strumenti del web 2.0 e li hanno insegnati ai compagni, hanno realizzato tutorials in lingua inglese per tutti gli utenti del web,dando così visibilità ai propri istituti. I gruppi di studenti hanno collaborato alla soluzione di piccoli tasks che costituivano le sequenze di progetto. Hanno gestito chat di gruppo acquisendo buona dimestichezza con l’utilizzo degli strumenti del TwinSpace, sviluppando  competenze di socializzazione e attitudine a pensiero critico ed empatico. Hanno sperimentato e fatto propria la dimensione di attiva cittadinanza europea. Hanno individuato e fatto propri valori culturali acquisiti mediante l’interazione con componenti pluri-generazionali e realizzato molteplici prodotti multimediali.

  • Competenze sviluppate dagli alunni

Sviluppo di competenza digitale. Uso responsabile e consapevole degli strumenti e possibilità offerte dal web. Acquisizione di competenze trasversali di socializzazione, di ascolto attivo e attitudine empatica . Capacità di lavorare in team. Sviluppo e potenziamento di capacità di tutoring nei confronti dei compagni . Peer education; learning to learn. Sviluppo del senso di cittadinanza europea: competenze sociali e civiche. Potenziamento di capacità di comunicazione nelle lingue straniere.

  • Curiosità e aneddoti

Molto coinvolgente è stato il momento dello stage con le nonne, svoltosi in occasione della permanenza dei ragazzi tedeschi presso le nostre famiglie in occasione dello scambio previsto dal progetto. In tale occasione tutti i partner hanno imparato dalle nonne a impastare e tirare la sfoglia, a fare il ripieno e a chiudere i tortellini, che poi sono stati cotti e mangiati in compagnia di tutti i partecipanti. E’ stato un bel momento di condivisione in cui i ragazzi hanno preso letteralmente in consegna le tradizioni culturali e culinarie passate che ci hanno fatto sentire ancora più vicini.

  • Riconoscimenti

Premio nazionale eTwinning 2015
eTwinning Quality Label 2015
European Quality Label 2015

Accedi al portale europeo

Estensione di eTwinning alle nazioni confinanti

Con i corsi di Teacher Academy e molto altro