Home » Esperienze » Approcci interdisciplinari in team scolastico per cooperare…in italiano!

Approcci interdisciplinari in team scolastico per cooperare…in italiano! Altre esperienze

Il progetto, che ha utilizzato l’italiano come lingua di scambio, ha avuto come tematica principale la storia dell’Europa e la presentazione degli Stati europei dei vari partner attraverso uno scambio di tradizioni, feste, canzoni, modi di dire e elementi delle rispettive culture. L’obiettivo è stato quello di sviluppare il senso di cittadinanza europea negli alunni e potenziare le loro competenze linguistiche, sociali e informatiche, attraverso l’utilizzo della piattaforma e lo scambio tra culture. Docenti e alunni hanno realizzato attività creative e collaborative utilizzando molteplici tools on-line fino alla realizzazione di un e-book interdisciplinare e collaborativo sull’Europa. Il lavoro è stato svolto comunicando e collaborando in modo sistematico tra tutti i docenti coinvolti nel progetto. In particolare i docenti italiani hanno lavorato in team nello stesso istituto scolastico, conferendo al progetto il pregio di un approccio interdisciplinare, oltre a quello multiculturale proprio dei gemellaggi eTwinning.


Titolo progetto
L'Europa siamo noi

Docente
Caterina Elifani, Vincenza dell'Erba, Nunzia Renna, Cristina Santomauro

Scuola
Istituto Comprensivo "Pietrocola- Mazzini" di Minervino Murge (BT)

Scuole partner
Collège Maria Borrely, Digne les Bains, Francia

St.Ignatius College, Girls Secondary, Qormi, Malta

2ο Γυμνάσιο Χανίων, Chania Crete, Grecia

OŠ Vrpolje, Sibenik, Croazia

Anno scolastico
2014/2015

Principali materie
Italiano, Storia, Geografia, Cittadinanza e costituzione, Francese, Inglese, Informatica

Lingua di scambio
Italiano

Età degli alunni / Numero degli alunni coinvolti
13 anni. Alunni coinvolti in totale: 20



Ho scelto di lavorare con eTwinning per relazionarmi e confrontarmi con colleghi di diverse nazionalità conoscenza e crescita in chiave internazionale e lavorare in modalità collaborativa con altri docenti. La piattaforma mi è servita per scambiare buone pratiche, implementare le mie competenze didattiche, informatiche e sociali, realizzando un progetto interdisciplinare attraverso una didattica innovativa. Nei riguardi degli alunni mi sono proposta di rafforzare lo sviluppo di una cittadinanza europea attraverso la conoscenza più approfondita e reciproca degli stati Europei che fanno parte dell’Unione, oltre a potenziare le loro competenze linguistiche, sociali e informatiche. Tra le soddisfazioni più grandi devo dire che grazie al progetto la classe ha imparato a cogliere aspetti comuni delle varie discipline e rafforzare competenze specifiche e trasversali, superando i confini nazionali in una prospettiva europea multiculturale e interculturale. Questo lavoro ha reso i miei ragazzi protagonisti attivi del loro sapere. A livello personale è stata un’esperienza nuova e significativa, che mi ha permesso di migliorare l’attitudine a lavorare con altri colleghi, stranieri e della mia stessa scuola. Vincenza Dell’Erba, Istituto Comprensivo “Pietrocola- Mazzini” di Minervino Murge (BT)

 

  • Obiettivi e attività

OBIETTIVI

  • apertura degli studenti sugli altri paesi europei, sulla diversità e la ricchezza delle culture e delle lingue;
  • scoperta della storia dell’Europa e degli obiettivi di collaborazione tra i suoi membri;
  • formazione dei futuri cittadini europei;
  • collaborazione e solidarietà tra studenti di diverse scuole europee;
  • potenziamento delle conoscenze e competenze linguistiche;
  • acquisizione di varie competenze TIC.

ATTIVITA’

  • Fase preliminare: scambio di e-mail tra insegnanti, elaborazione del progetto.
  • Prima fase:presentazione personale, della scuola, della città e della nazione;
  • Natale: scambi di auguri e tradizioni ; feste nazionali e religiose.
  • Seconda fase: realizzazione di un e-book pluridisciplinare e collaborativo sull’Europa.Tutto il lavoro è stato svolto comunicando e collaborando sistematicamente e assiduamente con tutti i docenti coinvolti nel progetto. Metodologia: Learning by doing, Cooperative learning, peer to peer.Costante è stato l’utilizzo delle TIC e di alcuni tools on line.
  • Tools utilizzati

Padlet:  interazione diretta tra allievi per scambio di idee e opinioni https://it.padlet.com
Photopeach: creazione video www.photopeach.com
Kizoa: per creare video, slideshow, presentazioni http://www.kizoa.it/
Glogster: per realizzare un poster interattivo https://www.glogster.com/
Learningapps: per quiz interattivi https://learningapps.org/
Calameo: per la realizzazione di e-book https://ita.calameo.com/
Padlet: per lavori collaborativi e di condivisione https://it.padlet.com/

  • Metodologia didattica

Le metodologie adottate (Learning by doing, Cooperative learning, peer to peer, didattica inclusiva) hanno permesso ai ragazzi di lavorare in maniera collaborativa all’interno del gruppo classe e nei gruppi transnazionali per la stesura dell’e-book finale. Gli alunni sono stati artefici del loro apprendimento perchè hanno imparato facendo.

  • Risultati

Il progetto è stato impegnativo ma coinvolgente. È stato davvero stimolante e professionalmente proficuo confrontarmi, per la prima volta, con colleghi europei, lavorare in modalità collaborativa con gli alunni e gli altri insegnanti e perfezionare le mie competenze informatiche imparando ad usare applicazioni online che prima non conoscevo. Positive sono state le ricadute sui ragazzi che hanno apprezzato, notevolmente, questo nuovo e diverso modo di fare scuola. Hanno partecipato attivamente e molto volentieri a tutte le attività, sono diventati più collaborativi e responsabili nel portare a termine un compito e il confronto con altre culture li ha spinti oltre i confini nazionali permettendo loro di cominciare a sentirsi cittadini europei. Il progetto è stato disseminato fra le famiglie e la comunità locale soprattutto attraverso la pubblicazione dei lavori sul sito della scuola. La maggior parte dei docenti si sono mostrati disponibili a partecipare a progetti futuri.

  • Competenze chiave sviluppate dagli alunni

Il progetto ha reso possibile negli alunni lo sviluppo di queste competenze chiave: comunicazione nella madrelingua, comunicazione in lingue straniere, competenza digitale, imparare ad imparare, competenze sociali e civiche, senso di iniziativa e di imprenditorialità, consapevolezza ed espressione culturale.

  • Curiosità e aneddoti

Grazie al progetto, anche gli alunni poco inclini allo studio, poco interessati e partecipi all’attività didattica si sono impegnati assiduamente in tutte le attività proposte. Riporto due episodi che ricordo con piacere: l’esultanza di un alunno BES che, entusiasta di aver portato a termine il compito assegnato, ha esclamato: “Che bello professoressa, ce l’ho fatta anch’io”!  e lo stupore di un alunno a cui, durante la prima videoconferenza con la scuola francese, è stata dedicata una canzone per augurargli buon compleanno.

  • Riconoscimenti

eTwinning Quality Label
European Quality Label

>