Home » Esperienze » CINQUE “METE” INCLUSIVE CONTRO LA DISCRIMINAZIONE SOCIALE

CINQUE “METE” INCLUSIVE CONTRO LA DISCRIMINAZIONE SOCIALE Altre esperienze

Il progetto, che ha visto coinvolte cinque nazioni (Italia, Spagna, Croazia, Grecia e Turchia), si è articolato in cinque “METE” che hanno guidato i ragazzi alla comprensione del valore dell’inclusione sociale ed educativa. Gli alunni si sono confrontati sui temi della discriminazione e dell’inclusione al fine di favorire un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione e rimuovere gli ostacoli che si frappongono al raggiungimento dell’uguaglianza e delle pari opportunità. Molteplici attività sono state pensate e create per coinvolgere attivamente i ragazzi in un percorso transnazionale di graduale acquisizione di consapevolezza rispetto ai temi proposti e di autonomia di giudizio e gestione dei compiti. A conclusione delle attività, il progetto è stato presentato alla comunità scolastica delle varie nazioni e sono stati prodotti un video con la canzone del progetto e un libro digitale che ne ha riassunto le fasi salienti. I metodi pedagogici usati durante il lavoro sono stati molteplici ma si sono preferiti i lavori per piccoli gruppi sia nazionali che transnazionali.


Titolo progetto
Everyone Matters 5Goals4inclusion

Docente
Lucia Tiziana Colore

Scuola
ITET "Rapisardi Da Vinci" di Caltanissetta

Scuole partner
IES Cantrabria Santander, Spagna

OŠ Ivana Mažuranića, Vinkovci, Croatia

Gazi Anatolian High School, Samsun, Turchia

3rd General Lyceum, Tripoli, Grecia

Anno scolastico
2017/2018

Principali materie
Educazione alla Cittadinanza, Etica, Filosofia, Logica, Informatica/TIC, Lingue Straniere, Scienze Sociali, Sostegno Scolastico, Storia

Lingua di scambio
Inglese

Età degli alunni / Numero degli alunni coinvolti
14 anni



La collaborazione al progetto è nata da una conoscenza personale con una delle colleghe partner. Abbiamo deciso di lavorare sul tema dell’inclusione perché l’ abbiamo ritenuto uno dei valori qualificanti di una società democratica in cui la diversità va promossa e sostenuta comunque essa si manifesti. Grazie a questo progetto la mia capacità di lavorare in modo proficuo e sempre più produttivo è aumentata. E’ migliorata la mia conoscenza della piattaforma e delle potenzialità didattiche che essa offre ed ho acquisito un padronanza decisamente migliore nella gestione del Twinspace. Il progetto mi ha dato la possibilità di soddisfare il bisogno di avere nuovi stimoli nella mia didattica  e di confrontarmi con docenti appartenenti a realtà e contesti diversi, dai quali ho imparato moltissimo. Grazie a eTwinning ho coinvolto i miei alunni in un vero progetto didattico a distanza con ottime ricadute in termini di motivazione verso l’apprendimento e potenziamento delle soft skills.
Lucia Tiziana Colore,  ITET “Rapisardi Da Vinci” di Caltanissetta


  • Obiettivi e Attività

Il progetto si è articolato in 5 “METE” che mi hanno permesso di guidare i ragazzi alla comprensione del valore dell’inclusione sociale ed educativa. Gli obiettivi del progetto sono stati raggiunti tramite attività pensate e create per coinvolgere attivamente i ragazzi in un percorso transnazionale di graduale acquisizione di consapevolezza rispetto al tema proposto ed autonomia nella gestione dei compiti.

Obiettivi
– Scoprire i diversi tipi di discriminazione
– Comprendere l’importanza dell’inclusione
– Rafforzare pensiero critico e creatività
– Promuovere il rispetto dei diritti umani e della diversità.
– Entrare in contatto con studenti stranieri
– Potenziare le capacità comunicative in inglese
– Migliorare le capacità nell’uso delle tecnologie informatiche

Attività’
– Conoscenza reciproca dei partners
– Le squadre internazionali indagano su diversi tipi di discriminazione, su testi sull’inclusione e creano diversi prodotti sull’inclusione
– Le scuole presentano il progetto alla comunità. Valutazione

I compiti sono stati svolti in modo collaborativo e ciò ha permesso ai ragazzi di sviluppare pensiero critico, capacità di confronto e rispetto per i tempi, le idee e le esigenze degli altri. Molto interessanti sono state la realizzazione della “Collaborative Story” ad esempio in cui la storia necessitava del contributo attivo di tutti per poter essere completata, la creazione del “Video-poem” in cui i versi della poesia si concatenavano nel senso e nella ritmica grazie al contributo di ciascuno o la composizione della canzone del progetto in cui i ragazzi delle varie nazioni hanno cantato un rap ognuno inventando un pezzetto della canzone. Ad attività di tipo collaborativo si sono affiancate attività condotte dai singoli alunni che hanno realizzato ricerche indipendenti sulle varie forme di discriminazione prima di condividerle con i partners europei.


  • Metodologia didattica

I metodi pedagogici usati durante il lavoro sono stati molteplici ma si sono preferiti i lavori per piccoli gruppi sia nazionali che transnazionali. I compiti sono stati svolti in modo collaborativo e ciò ha permesso ai ragazzi di sviluppare pensiero critico, capacità di confronto e rispetto per i tempi, le idee e le esigenze degli altri. Molto interessanti sono state la realizzazione della “Collaborative Story” ad esempio in cui la storia necessitava del contributo attivo di tutti per poter essere completata, la creazione del “Video-poem” in cui i versi della poesia si concatenavano nel senso e nella ritmica grazie al contributo di ciascuno o la composizione della canzone del progetto in cui i ragazzi delle varie nazioni hanno cantato una canzone rap ognuno inventando un pezzetto della canzone. Ad attività di tipo collaborativo si sono affiancate attività condotte dai singoli alunni che hanno realizzato ricerche indipendenti sulle varie forme di discriminazione prima di condividerle con i partners europei.


 

  • Tools utilizzati
  • MySimpleShow – Usato per trasformare un testo in video
  • Popplet – Usato per creare una mind map sull’inclusione
  • Powtoon – Usato per creare video animati
  • Genially – Usato per presentare una sintesi di tutte le attività
  • Padlet – Usato per presentarsi e per valutare i lavori dei team

 


  • Aneddoti e curiosità

Durante la registrazione di uno dei primi video del progetto, un alunno molto ansioso mi ha detto: “Prof. ho il cuore in gola!” – ” Lo scopo del progetto è anche questo!” – Ho risposto io – ” Far scendere il cuore al posto giusto! Renderti capace di controllare le tue emozioni e comunicare agli altri le attivtà che ti vedono coinvolto e ti mettono in gioco”. A conclusione del progetto lo stesso ragazzo dopo aver presentato un parte delle attività svolte alla comunità, si è avvicinato e mi ha detto: ” Prof. il cuore è sceso un pò più in giù!”.


  • Risultati

Il progetto ha avuto un forte impatto su di me in termini di motivazione e crescita umano-culturale. La tematica affrontata è stata trasversale a più discipline e perfettamente inserita nel curriculum. Alcune attività da realizzare sono state inserite su google classroom è sono state oggetto di valutazione formativa. Gli alunni hanno migliorato la propria competenza linguistica e l’uso delle TIC  e hanno avuto la possibilità di allargare le proprie prospettive e decentralizzare i propri punti di vista.  I ragazzi hanno riflettuto sul proprio modo di imparare grazie al confronto produttivo con studenti provenienti da contesti e realtà differenti: hanno potenziato la loro capacità di collaborare imparando il compromesso e la necessità di dar ragione del proprio punto di vista e , quando è il caso, cambiare idea. Hanno pertanto migliorato le proprie competenze sociali e civiche imparando a rispettare opinioni differenti dalle proprie trovando proprio in quella diversità un’ opportunità di crescita. In ogni attività portata a compimento i miei alunni sono sempre stati portavoce del proprio contesto, pienamente consapevoli della realtà di appartenenza ed orgogliosi di farla conoscere ai coetanei Europei.
La scuola ha tratto grande vantaggio dalla partecipazione al progetto in termini di orientamento in entrata; l’immagine di una scuola che  promuove progetti di qualità è stata veicolata non solo durante l’incontro di presentazione delle fasi del progetto alla presenza di tutte le componenti della comunità scolastica ( Dirigente Scolastica, colleghi e genitori) ma anche tramite la pubblicazione di articoli nella homepage del sito della scuola.


  • Competenze sviluppate dagli alunni

Comunicazione in lingua straniera (inglese)
Competenze digitali
Competenze sociali e civiche


  • Riconoscimenti

Premio nazionale eTwinning 2018
Quality Label Nazionale
Quality Label Europeo


  • Link esterni

 

Foto e video

 

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b4ca68a8_thumb.png

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b8dcde38_thumb.jpg

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b5ebea42_thumb.jpg

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b8c41d22_thumb.jpg

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b610e6df5_thumb.jpg

https://twinspace.etwinning.net/files/collabspace/9/49/749/48749/images/b9cc43c3_thumb.jpg