Home » Esperienze » GIOVANI “POLIGLOTTI” GRAZIE AL PROJECT BASED LEARNING

GIOVANI “POLIGLOTTI” GRAZIE AL PROJECT BASED LEARNING Altre esperienze

Riflettendo sulla pratica pedagogica in Italia e Repubblica Ceca, i docenti coinvolti hanno deciso di concentrarsi sul Project Based Learning come modalità per coinvolgere gli studenti per lo sviluppo delle loro conoscenze e abilità linguistiche in inglese e spagnolo. Il metodo,  che si è mostrato efficace, stimolante e spesso altrettanto divertente per insegnanti e studenti, ha dato priorità alla metodologia e ad un processo di apprendimento delle lingue innovativo e più favorevole per gli alunni. L’intento è stato quello di integrare l’apprendimento delle lingue in contesti di gioco, situazioni di vita reale, indagini, routine e transizioni, narrazione ed esperienze, oltre ad applicare una pedagogia incentrata sullo studente nelle nostre lezioni, aumentare la motivazione per il leasing di apprendimento linguistico e estendere l’apprendimento in progetti autoselezionati. I docenti hanno incoraggiato i bambini ad essere agenti del proprio apprendimento, mirando a promuovere il talento e gli interessi di ogni studente. Il maggior risultato che questo progetto ha conseguito è l’aver cambiato il punto di vista dei ragazzi sullo studio delle lingue straniere, motivandoli a studiare per poter interagire al meglio coi partner indipendentemente dalle verifiche in classe.


Titolo progetto
Shaping our English/Spanish Together

Docente
Lida Balloni, Daniela Rigamonti

Scuola
I.I.S.S. C. E. Gadda - Paderno Dugnano (MI)

Scuole partner
Gymnàziom Hladnova Jazykovà Škola, Ostrava, Repubblica Ceca

Anno scolastico
2016-2017

Principali materie
Lingue straniere: Inglese e Spagnolo

Lingua di scambio
Inglese e Spagnolo

Età degli alunni / Numero degli alunni coinvolti
Italia - età: 14-15 anni. Due classi. Studenti coinvolti 27 alunni e 29 alunni. Repubblica Ceca - età 15-16 anni. Due classi: 30 alunni e 20 alunni.



Abbiamo utilizzato eTwinning per la prima volta nel nostro primo progetto Erasmus+ KA2 e intuendone le enormi potenzialità. Nell’attuale Erasmus+ KA2 è coinvolta anche un’ambasciatrice eTwinning della Repubblica Ceca, che ci ha invitato a creare questo progetto bilaterale e ci ha supportato nelle scelte degli strumenti da utilizzare, con la conseguente svolta nella nostra didattica quotidiana sia in termini di professionalità sia di entusiasmo. Lavorare con eTwinning e la piattaforma TwinSpace è fortemente motivante per noi e gli studenti: ci ha permesso di confrontarci con una realtà altra, spostando l’attenzione dall’apprendimento della lingua come obiettivo al suo uso come mezzo per svolgere compiti di realtà in gruppi formati da ragazzi dei due Paesi. Il progetto è stato presentato in sede di Consiglio di Classe, Dipartimento, Collegio Docenti: a grande richiesta nel nostro istituto il 28/11 si terrà un corso di formazione tenuto da un’ambasciatrice eTwinning della Lombardia.  Lida Balloni, Daniela Rigamonti, I.I.S.S. C. E. Gadda di Paderno Dugnano (MI)


  • Obiettivi e attività

Obiettivi
Il progetto ha valorizzato diversi stili di apprendimento in modo inclusivo. La cooperazione è stata la base di tutte le attività. Il progetto ha avuto l’obiettivo di potenziare le competenze nelle lingue straniere, le competenze trasversali (collaborare, organizzare e gestire il tempo) e le competenze digitali. Il progetto ha migliorato anche il senso di responsabilità rendendo gli studenti protagonisti dell’apprendimento. Il ruolo insegnante/studente si è a volte invertito, mettendo i docenti nelle condizioni di imparare e gli alunni in quelle di strutturare contenuti per l’apprendimento.

Attività
La pianificazione delle attività avveniva quasi giornalmente via chat.
Articolazione del progetto:
Nov-Dic Impariamo a conoscerci: Stesura Profilo in TwinSpace
ING: audiodescrizione e presentazione di uno studente della scuola partner. Creazione di giochi didattici e quiz utilizzando App didattiche.
SPA: scelta di un compagno per affinità, primi contatti nel Forum
Gen-Mar
ING: Parliamo di eventi passati: Ascolto di canzoni. Narrazione delle canzoni attraverso il disegno. Stesura di una storia partendo dai disegni. Creazione di storie trasformate in libri con Google Drive,Youblisher.
SPA: Potenziamo grammatica e lessico con App didattiche
Apr-Mag
ING: Parliamo di eventi futuri: creazione di dialoghi e di video storie.
SPA: Creazione di dialoghi prima scritti in chat, poi filmati separatamente e montati.


  • Metodologia didattica

La metodologia seguita è stata il Project Based Learning (creazione di file audio, libri digitali, videostorie, dialoghi), supportato dal problem solving: le difficoltà sono state molte e le soluzioni non sempre evidenti. Il focus dell’attenzione, quindi, si è spostato dalla lingua come scopo della didattica al prodotto creato (focus on form/focus on meaning). Gli studenti hanno riflettuto, provato, valutato, preso decisioni, indicato ordini di priorità utilizzando il T.B. L. (Skillful Decision Making/Infusing Critical and Creative Thinking/Assessing and Ranking). Gli studenti di inglese hanno svolto una webquest per scoprire di più sulle canzoni e con la metodologia Flipped classroom hanno presentato le loro scoperte ai compagni. L’apprendimento cooperativo svolto in gruppi internazionali (Cooperative Learning) è stato alla base del lavoro.


  • Tools utilizzati

  • www.padlet.com
  • www.youblisher.com
  • www.learningapps.org
  • www.kahoot.it
  • www.educaplay.com
  • Google Drive
  • Whatsapp

  • Aneddoti e curiosità

Per l’inglese: vorrei sottolineare il profondo legame che si è sviluppato tra i miei studenti coi i compagni della Repubblica Ceca. Dopo i primi impacci agivano come classe unica anche nei piccoli sotterfugi, tipici degli studenti.

Per lo spagnolo: uno studente della Repubblica ceca è stato lasciato dalla fidanzata. La partner italiana ha iniziato a rincuorarlo mandandogli messaggi ogni giorno e raccontando in classe gli sviluppi; le compagne italiane si sono avvicinate a lui con messaggi nella speranza di sostenerlo. Il tutto utilizzando la lingua spagnola in un registro colloquiale lontano dalle lezioni tradizionali e con una scioltezza sorprendente.


  • Risultati

L’impatto del progetto sugli alunni è stato notevole. La loro motivazione allo studio delle lingue è aumentata, ed i risultati nelle prove di livello di fine anno ne sono stati un esempio. Gli studenti hanno dato la massima valutazione di gradimento dell’indagine condotta dalla vicepresidenza sui progetti svolti nell’Istituto. I docenti hanno riferito del progetto al Dipartimento di lingue, nei Consigli di Classe, e al Collegio docenti, ed i colleghi degli insegnanti coinvolti hanno richiesto un corso di formazione su eTwinning. Anche le famiglie hanno manifestato il proprio apprezzamento attraverso i loro rappresentanti. Il progetto è stato presentato anche durante le celebrazioni per il 40° della scuola, alla presenza della stampa.
Il maggior risultato che questo progetto ha conseguito è l’aver cambiato il punto di vista dei ragazzi sullo studio delle lingue straniere, motivandoli a studiare per poter interagire al meglio coi partner indipendentemente dalle verifiche in classe.


  • Competenze sviluppate dagli alunni

  • Comunicazione nelle lingue straniere: il progetto ha permesso ai ragazzi di affinare la loro competenza comunicativa.
  • Competenza digitale: Abbiamo utilizzato ampiamente tools didattici e pubblicato storie on line, nonché creato video.
  • Imparare a imparare: le metodologie utilizzate, l’attenzione al processo di apprendimento nelle sue fasi, le attività svolte ed i feedback ricevuti hanno permesso di sviluppare questa competenza.
  • Competenze sociali e civiche: L’aspetto collaborativo e di cooperazione del nostro progetto ha portato ad una maggiore autocoscienza ed alla conoscenza/confronto con una cultura altra.
  • Consapevolezza ed espressione culturale: Il contatto con studenti appartenenti ad un’altra cultura ha favorito questa consapevolezza ed intensificato la volontà di superare gli stereotipi e le barriere culturali.

  • Riconoscimenti

Quality Label Europeo
Quality Label in Italia
Premio nazionale italiano 2017


  • Link esterni