Home » Esperienze » Accendiamo le “luci” della solidarietà in collaborazione verticale

Accendiamo le “luci” della solidarietà in collaborazione verticale Altre esperienze

L’idea del progetto è stata quella di creare una rete di storie, tradizioni, culture legate al mare fra città europee che hanno un faro nel proprio territorio. Le classi hanno potuto così imparare a conoscere il mare e la sua cultura, per amarlo e rispettarlo. I docenti hanno voluto intendere la luce dei fari come superamento di distanze, come luce di conoscenza, immaginazione, di riferimenti e legami che i bambini possono trovare nella scuola, nel territorio di appartenenza e non solo, sentendosi cittadini europei oltre i confini della propria terra. Il progetto ha permesso alle classi partner di Polonia, Grecia, Regno Unito, Francia, Romania e Portogallo di creare un grande laboratorio a distanza tra scuole per raccogliere storie, esperienze, giochi, realtà e sogni.


Titolo progetto
A LIGHT ON THE SEA

Docente
Graziella Filippone/Gabriella Pappalardo (Infanzia); Eleonora Alicata (Primaria); Giuseppina Sciascia (Secondaria di I grado)

Scuola
2° ICS "O. M. Corbino" di Augusta (SR)

Scuole partner
Madalena Petronela Panait, Valu Lui Traian (Romania)

Ferreira/Conceição Marinho, Povoa de Varzim (Portogallo)

Sophie Caux, Outreau (Francia)

Despoina Doukeri/Eleni Chalkiadaki, 7th kindergarten of Rethymno, Knossos (Grecia)

Anna Śliwka, Gdansk (Polonia)

Joanna Black, St Denis Primary School, Glasgow (Regno Unito)

Anno scolastico
2019/2020

Principali materie
Campi di esperienza della Scuola dell'Infanzia, Materie per la Scuola Primaria, Lingua Inglese, Arte, Informatica/TIC, Coding, Scienze, Storia, Educazione ambientale e alla cittadinanza

Lingua di scambio
Inglese

Età degli alunni / Numero degli alunni coinvolti
Scuola dell'Infanzia (anni 4); Primaria (anni 10), Secondaria (anni 11-12) totale alunni: 75



“Ho sempre avuto l’obiettivo della collaborazione e della continuità verticale nei tre ordini scolastici: eTwinning rappresenta la giusta opportunità e sta gradualmente coinvolgendo sempre più insegnanti nella scuola. Non saprei più immaginare di lavorare in modo diverso!”

Graziella Filippone, 2° ICS “O. M. Corbino” di Augusta SR

 

“Sono stata contagiata dall’entusiasmo della collega, ma anche spinta soprattutto dal desiderio di conoscere culture e realtà diverse. Etwinning ti permette di crescere professionalmente e di poter sperimentare innovativi e molteplici modi di fare didattica, soprattutto inclusivi per gli alunni con difficoltà”

Eleonora Alicata, 2° ICS “O. M. Corbino” di Augusta SR

 

“Coinvolta dalla collega ho vissuto il modus operandi con cui si affronta la didattica e le conseguenti ricadute che hanno cambiato il mio modo di vedere ed affrontare la scuola a tal punto che non posso più farne a meno!”

Gabriella Pappalardo, 2° ICS “O. M. Corbino” di Augusta SR

 

“eTwinning mi ha permesso di innovare la mia didattica e di confrontarmi con esperienze e realtà diverse e motivanti”

Giuseppina Sciascia, 2° ICS “O. M. Corbino” di Augusta SR

 


  • Obiettivi e Attività

OBIETTIVI
Il progetto ha previsto i seguenti obiettivi:
– Conoscenza della propria storia e del territorio
– Conoscenza scientifica dell’ambiente marino
– Conoscenza dei comportamenti corretti per il rispetto ambientale
– Abilità artistiche e costruttive
– Saper orientarsi in una mappa e identificare il proprio Paese, la propria città
– saper lavorare in gruppo per un obiettivo comune
-Saper usare la lingua Inglese per comunicare con gli amici del progetto
– Sviluppare il pensiero logico astratto e divergente
-Usare le tecnologie in modo creativo e positivo.

ATTIVITA’
Metodologia:
– Cooperazione nel piccolo gruppo;
– Tutoring con gli studenti di età diversa; condivisione del Twinspace;
– Coinvolgimento dei genitori specie nel periodo della DAD.

Collaborazione con i partners:
– Twinspace;
– Gruppo Facebook;
– Gruppo WhatsApp;
– Condivisione nel creare tutti i prodotti di tipo collaborativo.

Tecnologie:
A scuola uso della LIM e del PC. Durante la DAD anche i bambini più piccoli hanno partecipato alle attività.


  • Tools utilizzati

Questi i principali tools online utilizzati nelel attività con gli alunni:

    • Draw Chat, per la realizzazione del logo
    • StoryJumper, per la creazione di storie collaborative
    • Genial.ly, per la creazione infografica della rete di fari
    • Google Sites, per la creazione della mostra virtuale dei diorama del faro
    • Google Docs, per forms valutazione e autovalutazione

  • Metodologia didattica

Le due sezioni di Scuola dell’Infanzia hanno operato insieme con un team di 4 insegnanti, seguendo un’organizzazione di attività laboratoriali in 4 piccoli gruppi, in base a una progettualità e percorsi didattici specifici che si innestano nell’itinerario curricolare. E’ una metodologia sperimentata da anni nella scuola con eccellenti risultati, che consente la condivisione di percorsi didattici innovativi, ricchi e coinvolgenti, nonchè l’inclusione e l’individualizzazione delle azioni didattiche.

In tutti gli ordini scolastici è stato privilegiato il lavoro di gruppo, la cooperazione tra pari, la collaborazione.

Specialmente, ma non solo, durante la chiusura per l’emergenza Covid-19 la Flipped Classroom ha consentito la condivisione di materiali-stimolo per le attività sincrone svolte online.


  • Curiosità e aneddoti

Durante la divertente esperienza di -Treasure Hunt Game at the lightihouse- abbiamo ‘rapito’ la nostra Dirigente, incontrata casualmente, che ha partecipato alla ricerca dei ‘tesori’: è stato bello vivere la spontaneità dei bambini di ogni età nel sentirsi parte di una ‘famiglia’ scolastica, interagendo entusiasticamente con la Dirigente ma anche con i collaboratori scolastici, gli altri insegnanti, gli altri alunni della scuola.

eTwinning consente sempre apprendimenti significativi attraverso inclusione, collaborazione, divertimento, condivisione. E’ stato uno degli aspetti ricorrenti nelle diverse esperienze vissute durante il progetto.


  • Risultati

Il progetto ha avuto un forte impatto educativo e pedagogico,capace di aprire occhi e mente, facendo conoscere le differenze culturali ma anche morfologiche del territorio attraverso l’uso del mappamondo e della carta geografica; ha contribuito a facilitare il dialogo e l’espressività in tutte le sue forme attraverso i laboratori, attraverso la narrazione di storie e leggende legate al Faro e al territorio che ha portato alla costruzione di un e-book condiviso, ha permesso di sensibilizzare i bambini al rispetto della natura e del mare attraverso la storie di Meli e Rose.Tutte le attività, anche di valutazione, sono state collaborative con i partners fino alla creazione della Mostra di Diorama dei nostri fari.

I risultati sono stati diffusi attraverso il Twinspace, la pagina facebook della scuola, gli eventi eTwinning,il coinvolgimento dei genitori sul Twinspace, l’attuazione del Meeting finale ‘My light on the sea’ coinvolgendo tutta la scuola,il territorio, la stampa locale.


  • Competenze sviluppate dagli alunni

    Queste le competenze principali sviluppate dagli alunni:

    • Competenza multilinguistica (uso della lingua per comunicare e creare)
    • Competenza digitale (uso degli strumenti digitali di collaborazione, creazione, condivisione)
    • Competenza personale,sociale e imparare a imparare (lavorare in gruppo in modo collaborativo per un obiettivo condiviso- rispetto dell’ambiente naturale e cittadino)
    • Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturale ( conoscenza del territorio del Faro, della sua storia, del mare e delle consuetudini l

  • Riconoscimenti

Quality label eTwinning nazionale
Quality label eTwinning europeo
Premio nazionale eTwinning 2020


  • Materiali multimediali (foto/video/presentazioni)

 

Altri contributi multimediali sono disponibili sul TwinSpace del progetto.

 


  • Link esterni

Sito esterno del progetto

Gruppo Facebook

Gruppo Facebook 2

Articolo news 1

Articolo news 2

Articolo news 3