Home » Archivio webinar (registrazioni)

Archivio webinar (registrazioni)

2020

23 giugno 2020, ore 16.00 – “Didattica a Distanza: il digitale e l’inclusività” (webinar realizzato in collaborazione con SIC – Generazioni Connesse)

Relatori:

  • Salvatore Ciro Conte – SOS il Telefono Azzurro Onlus
  • Roberta Poli – Psicologa scolastica, Docente presso I.I.S. Piaget-Diaz di Roma

Target: Docenti e Dirigenti scolastici di ogni ordine e grado. Priorità verrà data ai docenti e DS registrati in eTwinning.

Abstract: In queste settimane stiamo affrontando un momento storico senza precedenti. La quotidianità di famiglie, docenti e ragazzi/e è stata sconvolta da una lunga quarantena, durante la quale abbiamo dovuto ridefinire nuove routine giornaliere. In questo scenario straordinario, le tecnologie digitali stanno avendo un ruolo ancora più centrale nella vita di ognuno di noi. Lontani da parenti e amici, abbiamo provato a mantenere le relazioni con le persone a noi care attraverso le app di messaggistica (WhatsApp, Signal, Telegram), i social network e ogni strumento che ci permette di sentirli più vicini. Per lavorare, insegnare, seguire le lezioni, informarci o trascorrere il tempo libero, il nostro tempo online è notevolmente aumentato.Il webinar ha l’obiettivo di esplorare i vantaggi di una nuova didattica, quella che avviene a distanza tramite il digitale. La situazione contingente della pandemia ha richiesto un nuovo adattamento delle dinamiche di insegnamento tradizionali e in questa occasione approfondiremo i benefici, ma anche i potenziali svantaggi, che la didattica a distanza sta apportando, toccando temi quali i cambiamenti nelle modalità comunicative e sociali, con lo sguardo rivolto al futuro della didattica e a cosa questo momento ci lascerà.


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è webinar-etwinning.png

18 giugno, ore 15:00 – “Riconnettere le scuole alla natura: basi scientifiche, esperienze e formazione per coltivare benessere, attenzione e motivazione”

Relatori:

  • Hubert Mansion, fondatore dell’Université dans la Nature
  • Maria Chiara Pettenati, Dirigente di ricerca Indire
  • Isabel de Maurissens, ricercatrice Indire

Target: Docenti e Dirigenti scolastici di ogni ordine e grado. In via prioritaria verranno accolte le registrazioni dei docenti, e in particolare quelli registrati già in eTwinning, ma in caso di disponibilità di posti, le registrazioni saranno aperte ai genitori, ai professionisti del settore dell’educazione e a chiunque sia interessato alla tematica affrontata.

Abstract: Hubert Mansion, parla dell’Université dans la Nature (Montréal, Canada) da lui fondata. L’Université dans la nature sviluppa programmi di formazione di “riconnessione alla natura” basati su più di 30 anni di ricerca scientifica che fanno tesoro dell’impatto della natura su vari aspetti della vita (attenzione, stress, obesità, risultati scolastici, impulsività, motivazione, ecc.). L’evento è da inquadrare nella tematica dell’educazione allo sviluppo sostenibile in particolare, Goal 4 (istruzione di qualità), Goal 3 (benessere e salute), Goal 11 (città e comunità sostenibile) e Goal 15 (partnership per gli obiettivi), Goal 17 (Vita sulla terra). L’incontro del 18 giugno ha come obiettivo quello di dialogare con Hubert Mansion sui vantaggi della riconnessione con la natura per migliorare il benessere della classe, oltre il rendimento, l’attenzione e la motivazione. Il fondatore inoltre spiegherà quali programmi di formazione propone alle scuole canadesi. Le domande potranno essere poste sia in italiano, inglese e francese in chat, e saranno lette e tradotte in simultanei. Hubert Mansion risponderà in francese e verrà tradotto in simultnea.

In preparazione dell’incontro ai partecipanti è consigliata la visione di questa video-intervista di introduzione alle tematiche, in cui partecipano i relatori.

Materiali


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è webinar-etwinning.png

10 giugno, ore 17:30 – “L’impatto di eTwinning sullo sviluppo professionale innovativo degli insegnanti“

Relatori:

  • Donatella Nucci, Capo Unità eTwinning Italia; 
  • Maria Chiara Pettenati, Dirigente di Ricerca Indire-Ricerca; 
  • Maria Ranieri, Docente di Didattica generale e Pedagogia speciale presso l’Università degli Studi di Firenze; 
  • Francesco Fabbro, Ricercatore Università degli Studi di Firenze.

Target: Docenti e dirigenti di ogni ordine e grado registrati in eTwinning, Referenti istituzionali, pedagogici e Ambasciatori eTwinning e Referenti e studenti universitari coinvolti nella Teacher Training Institutions Initiative.

Abstract: Durante il webinar saranno delineate le linee guida ed i primi esiti della ricerca, che l’obiettivo di valutare l’impatto di eTwinning sullo sviluppo professionale dei docenti in servizio in Italia. La valutazione si focalizza su tre aree di competenza relative allo “sviluppo professionale innovativo”: didattica, professionalità docente e partecipazione scolastica. In quest’ottica la ricerca intende esplorare sul piano quantitativo e qualitativo la relazione che intercorre tra la partecipazione degli insegnanti alle attività eTwinning (progetti, webinar, gruppi, learning event, ecc.) e le tre aree di competenza. Il disegno di ricerca prevede anche la somministrazione di un questionario per indagare sul piano quantitativo le percezioni dei docenti rispetto al contributo di eTwinning al proprio sviluppo professionale ed una serie di studi di caso qualitativi sulle loro pratiche didattiche e formative nell’ambito delle proprie comunità scolastiche.


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è webinar-etwinning.png

9 giugno, ore 15:00 – “Adolescenti e violenza di genere “onlife”: forme, caratteristiche, strumenti e relazioni educative per prevenirla

Relatori:

  • Laura Pomicino – Psicologa, psicoterapeuta, dottore di ricerca in Medicina materno-infantile, Pediatria dello Sviluppo e dell’Educazione, docente presso l’Università degli Studi di Trieste.   
  • Grazia Dell’Oro – Project Manager, Azienda Speciale ReteSalute. Referente del Progetto EU CyberSafe – Changing Attitudes among teenagers on Cyber Violence against Women and Girls.
  • Alice Romagnoli – Docente, IIS Polo tecnico professionale di Lugo (RA). Referente del progetto No violence against women, vincitore del Premio nazionale eTwinning 2018.

Target: Docenti e Dirigenti scolastici di ogni ordine e grado. In via prioritaria verranno accolte le registrazioni dei docenti, e in particolare quelli registrati già in eTwinning, ma in caso di disponibilità di posti, le registrazioni saranno aperte ai genitori, ai professionisti del settore dell’educazione e a chiunque sia interessato alla tematica affrontata.

Abstract: Gli ambienti digitali, come tutti gli aspetti dell’interazione umana, non sono neutri rispetto al genere piuttosto riproducono le esistenti relazioni di potere presenti all’interno della società. La violenza di genere presente all’interno dei nostri contesti si traspone anche “online”, attraverso attacchi, abusi verbali sulle piattaforme digitali, ricatti, colpendo trasversalmente diversi soggetti ma coinvolgendo alcune categorie più di altre: il riferimento va in particolare alle ragazze e alle donne. Oggi sappiamo che continuare a considerare online e offline come due mondi separati, contribuisce a una lettura della violenza di genere online nelle sue differenti declinazioni, come non “reale” soprattutto in termini di effetti e ricadute reali in particolare sulla vita delle più giovani a livello fisico ed emotivo. Chi fa esperienza di violenza online riporta infatti nella vita reale conseguenze sia sul piano emotivo che fisico. Con la probabile conseguenza che anche la percezione che ragazzi/e hanno della rete possa cambiare. E che potrebbe portarle a scegliere di rimanerne volontariamente fuori. Un’autoesclusione dagli effetti notevoli perché limitare l’uso di internet o essere disconnesse oggi è come veder distrutto il proprio diritto alla libertà, a conoscere, informarsi ed esprimersi liberamente. In tal senso le stesse strategie educative e dunque preventive vanno ripensate alla luce dei nuovi scenari di riferimento per i più giovani segnati dall’innovazione degli ambienti digitali da non considerare più come semplici strumenti di comunicazione ma piuttosto come nuovi frames di ricodifica e risignificazione delle dinamiche relazionali e sociali.

Materiali


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è webinar-etwinning.png

4 giugno, ore 16:00 – “Certificato di Qualità nazionale eTwinning, candidatura e criteri di valutazione”

Relatori: Incontro a cura dell’Unità nazionale eTwinning

Target: Docenti registrati che hanno intenzione di candidare un progetto eTwinning al Certificato di Qualità nazionale

Abstract: Il webinar è destinato a tutti gli eTwinner che stanno svolgendo/hanno svolto un progetto eTwinning nell’a.s. 2019/20 e che intendono candidarsi per il Certificato di Qualità nazionale (QL nazionale). Saranno illustrati i criteri di valutazione per il Certificato di Qualità nazionale, che sono stati ridiscussi a livello europeo e riformulati dando particolare importanza agli aspetti della collaborazione e della sicurezza in rete. Verranno, inoltre, illustrati in modo approfondito i requisiti minimi necessari per l’ottenimento del certificato, tra i quali emerge come fondamentale il rispetto della normativa vigente in campo di privacy e trattamento dei dati personali. Saranno inoltre dati suggerimenti su come migliorare la documentazione del progetto, grazie a una buona organizzazione del TwinSpace, elemento essenziale per ottenere la certificazione di qualità.


26 maggio, ore 17:00 – “I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020”

Relatrici: Simona Baggiani, Alessandra Mochi – Unità italiana di Eurydice

Target:  Dirigenti scolastici e docenti di scuole di ogni ordine e grado.

Abstract: In questo webinar è stato presentato uno stato dell’arte dei progressi fatti dall’Europa nel suo insieme e dall’Italia, relativamente ai parametri di riferimento medio europei (i cosiddetti target o benchmark) stabiliti dalla Commissione europea nell’ambito del quadro strategico per la cooperazione europea nell’istruzione e formazione (ET 2020) e ormai prossimi alla scadenza del 2020. Sono stati poi analizzati anche alcuni sistemi scolastici europei, ritenuti più significativi nell’ottica nazionale, presentandone le principali caratteristiche strutturali e organizzative insieme agli ultimi risultati rispetto ai target summenzionati. La fonte delle informazioni presentate è il volume appena uscito della collana editoriale dell’Unità italiana di Eurydice: I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020.

Presentazione


21 maggio, ore 15:00 – “Processi cognitivi sempre più mutevoli: gli apprendimenti mediati dalle tecnologie digitali” (in collaborazione con SIC / Generazioni Connesse)

Relatori: Pier Cesare Rivoltella: Docente di Didattica generale e Tecnologie dell’istruzione presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica di Milano. Presidente e Direttore scientifico del Cremit. Maria Ranieri: Docente di Didattica generale e Pedagogia speciale presso l’Università degli Studi di Firenze si occupa da anni di tecnologie e processi formativi, pubblicando su questi temi volumi e articoli su riviste nazionali e internazionali.

Target: Dirigenti scolastici e docenti di scuole di ogni ordine e grado, con priorità ai partecipanti già registrati in eTwinning; professionisti dell’infanzia (assistenti sociali, pediatri, psicologi ed educatori); genitori, operatori del terzo settore e tutti i membri di organizzazioni e realtà che operano con i minori.

Abstract: Bambini/e e ragazzi/e nascono in un mondo in cui le tecnologie digitali permeano la loro esperienza d’apprendimento, muovendosi in ambienti digitali in cui l’aspettativa di base è la virtuale compresenza, l’ubiquità e accessibilità di tutto in ogni istante attraverso processi paralleli continui e veloci. Quali sono gli effetti su processi cognitivi e di apprendimento, su pratiche pedagogiche e sullo sviluppo stesso del sistema neuronale? La prima parte del seminario intende analizzare gli apporti di ricerche empiriche, nazionali e internazionali, realizzate nell’ambito delle neuroscienze e della media education, con particolare riferimento al rapporto tra tecnologie, ambienti digitali e processo di apprendimento dei più giovani. La seconda condurrà a una riflessione su uno dei compiti prioritari della comunità educante tutta: guidare bambini/e ragazzi/e a sviluppare le competenze necessarie a costruire una cittadinanza digitale attiva e responsabile nella crescente liquidità dell’era contemporanea curando in particolare quelle digitali volte all’adattamento al mondo della velocizzazione dei processi e coltivando al contempo l’attitudine al pensiero lento.

Presentazione


11 maggio, 17:30 – “Sviluppo Sostenibile e Agenda 2030”

Relatrici: Maria Chiara Pettenati, Dirigente di Ricerca Indire, Isabel de Maurissens, Ricercatrice Indire

Target:  Dirigenti scolastici e docenti di scuole di ogni ordine e grado

Abstract: Il webinar affronterà i temi dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile e della Cittadinanza Globale, in particolare: Agenda 2030; Le 5 P (Pace, Pianeta, Persone, Prosperità e Partnership); Spunti per contenuti e metodi adatti a incorporare gli obiettivi dello sviluppo sostenibile nelle didattiche anche disciplinari.


5 maggio, ore 17:00 – “Hai un/’ attivista in classe? Strumenti e suggerimenti per sviluppare, attivare e nutrire il desiderio di cambiamento”

Relatore: Prof. Alberto Alemanno, Jean Monnet Professor of EU Law, HEC Paris | Global Professor of Law, NYU School of Law in Paris | fondatore e direttore di The Good Lobby

Target:  Dirigenti scolastici e docenti di scuole secondarie di I e II grado (in caso di posti vacanti l’incontro è esteso anche ai genitori o altri interessati)

Abstract: Greta Thunberg ha mostrato che anche i sedicenni possono ottenere una piattaforma globale per esprimere le loro preoccupazioni. La causa ambientalista ha trovato una nuova freschezza e visibilità. La partecipazione politica è una maniera positiva di incanalare energie e risorse, ma come mostrare agli studenti come combattere per le cause in cui credono? Il professor Alemanno (Jean Monnet Professor of EU Law presso la HEC Paris, e fondatore-direttore di The Good Lobby), durante il webinar offrirà una panoramica di esempi positivi di partecipazione politica e mostrerà alcuni strumenti per “attivare” gli studenti.


30 marzo, 15:00-17:00 – “Marketing online, gaming e sistemi gamificati: rischi e potenzialità da una prospettiva orientata ai diritti dei più giovani

Il webinar è organizzato nell’ambito del ciclo di seminari formativi per i professionisti dell’infanzia 2019/2020 – Generazioni Connesse, Safer Internet Center. Il webinar è stato organizzato in collaborazione con eTwinning Italia che mette a disposizione i propri strumenti di videoconferenza per evitare la cancellazione dell’evento, previsto a Napoli lo stesso giorno, in considerazioni delle misure di contenimento per il Covid-19.

Relatori: Marcello Passarelli – Ricercatore, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Institute for Educational Technology, Department Member; Matteo Uggeri – Esperto di Innovazione Didattica e Gamificazione, Fondazione Politecnico di Milano.

Target: Dirigenti scolastici e docenti di scuole di ogni ordine e grado.

Abstract: Il mercato del gaming vale più di 40 miliardi di dollari ed è in continua crescita. Per chi si occupa di comunicazione equivale a una vera e propria strategia di marketing che, attraverso i giochi, punta alla condivisione di dati e risultati, stimola una competizione amichevole tra i giocatori e, di conseguenza, attrae possibili consumatori. Il seminario intende approfondire come avviene la socializzazione al consumo, già in tenera età, come le aziende interagiscano con bambini/e e adolescenti attraverso tecniche di marketing online e quali gli impatti di un sistema gamificato su bambini/e ragazzi/e fino a una supposta dipendenza verso app e videogiochi. I contesti d’uso dei videogiochi e della gamificazione non si limitano però al solo intrattenimento ma sono – grazie all’evidente potenziale motivazionale – nelle scuole e nella formazione in generale. Tuttavia, l’adozione dei giochi per finalità didattiche va fatta all’interno di un processo di progettazione didattica in cui si tenga conto dei vincoli del contesto, degli obiettivi educativi, dei destinatari della formazione e, non ultimo, richiede una forte consapevolezza sia delle potenzialità dei diversi tipi di giochi, sia delle possibili criticità. In questo scenario in rapida evoluzione, è dunque importante comprendere più a fondo l’impatto a livello sociale, culturale, psicologico ed educativo di metodologie e tecniche di apprendimento basate sul gioco.

Obiettivi formativi: –    Approfondire le pratiche di marketing online rivolte ai più giovani con un affondo specifico su meccaniche di gioco e meccanismi di condizionamento attraverso l’analisi di strumenti innovativi come l’advergaming e il viral marketing; –    Analizzare il ruolo dei videogiochi e della gamification nella società, per evidenziarne potenzialità e punti critici; –    Esplorare le rappresentazioni di genere veicolate dal e nell’universo videoludico rinforzanti rispetto a modelli stereotipati del maschile e femminile; –    Approfondire le applicazioni in ambito didattico della gamificazione attraverso l’analisi di strumenti, esperienze e metodologie.


12 febbraio, ore 17:00 – “Il programma internazionale Eco-Schools e l’applicazione del metodo dei sette passi”, in collaborazione con Eco schools

Relatore: prof. Andrea Rinelli, FEE Italia – Eco-Schools Target: Dirigenti scolastici e docenti di scuole di ogni ordine e grado Abstract: Le problematiche ambientali globali necessitano di una presa di coscienza e di un impegno comune a partire dai più giovani, fino a coinvolgere l’intera comunità. Eco-Schools è il programma internazionale che unisce il maggior numero di scuole nel realizzare azioni concrete per la sostenibilità a partire dall’ambiente scolastico. Basato sulla metodologia dei “sette passi”, Eco-Schools, che oggi coinvolge oltre 20 milioni di studenti, può vantare 25 anni di storia ed esperienze e nel 2002 le Nazioni Unite lo hanno definito il miglior programma di educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile al mondo. Nel corso del webinar verrà spiegato come attuare i sette passi, e come adattare la metodologia alle varie realtà scolastiche.

Presentazione – Maggiori informazioni


28 gennaio 17:00-18:30 – webinar eTwinning “Dalle fake news all’uso critico dell’informazione”

Relatori: Professoressa Maria Ranieri, Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI), Università degli Studi di Firenze Target: Docenti registrati in eTwinning di ogni ordine e grado Abstract: Il webinar affronta il problema di come valutare l’affidabilità dell’informazione al tempo dei social. Dopo una introduzione al tema delle fake news (cosa sono, come si presentano, come si diffondono), esso si focalizza sulla formazione delle capacità di lettura critica delle informazioni per una cittadinanza attiva e consapevole.

Presentazione