/

We are all connected

We are all connected è un progetto di scrittura creativa e collaborativa, gli alunni sono stati impegnati nella produzione di racconti in cui i protagonisti sono delle celebrità del passato che, viaggiando nel tempo, si ritrovano nel presente e constatano che il mondo è in pericolo. Attraverso i racconti gli alunni, collaborando con i partners stranieri, hanno indagato le proprie radici culturali, le differenze tra il passato e il presente, e hanno ricercato soluzioni per le future generazioni. Gli studenti hanno svolto un ruolo attivo in questo percorso formativo e, attraverso le numerosissime occasioni di lavoro previste dal progetto, hanno messo in moto il loro pensiero critico, migliorato le loro competenze linguistiche e digitali, oltre che la loro creatività. 

 

Obiettivi e attività

Il progetto ha avuto come obiettivo principale quello di sviluppare il pensiero critico e creativo degli studenti coinvolti e di migliorare le loro competenze comunicative, sociali e digitali.

Innanzitutto, c’è stata una proficua collaborazione con i docenti partner che ha permesso di condividere idee e scelte delineando un piano di lavoro puntuale per ogni fase progettuale. Il cooperative learning e una didattica laboratoriale sono state le metodologie più utilizzate per sviluppare le attività che hanno permesso agli studenti di fare amicizia, diventare utenti responsabili del web e apprendere le strategie per scrivere un racconto. Gli alunni sono stati i protagonisti in tutto il percorso scegliendo loro stessi le celebrità del passato e le problematiche dei racconti. Inoltre, hanno collaborato in quattro squadre internazionali ognuna delle quali aveva un compito che variava in modo ciclico in ogni racconto, permettendo così di farli impegnare in attività diverse:

  • TEAM 1: scrittura collaborativa del racconto;
  • TEAM 2: produzione di pre-reading activities e illustrazioni;
  • TEAM 3: Produzione di post reading activities;
  • TEAM 4: lettura drammatizzata e realizzazione ebook

Metodologia didattica

Dati i diversi modi, stili e tempi di apprendimento di ogni studente, sono state utilizzato diverse metodologie:

  • metodologia CLIL e visible thinking routine per stimolare la discussione degli argomenti da affrontare nelle storie
  • cooperative learning e lavori di gruppo per la realizzazione della maggior parte delle attività. I ragazzi hanno lavorato in gruppi nazionali e con la didattica laboratoriale per realizzare video e poster, scrivere il factifile della celebrità del partner, prendere una decisione comune sulle regole da caricare nella Netiquette condivisa, suggerire i titoli delle storie. Hanno lavorato in team internazionali per creare l’ebook dei racconti: collaborando alla scrittura dei racconti, all’illustrazione e alla registrazione della lettura drammatizzata degli stessi e alla creazione di attività di pre e post reading, e infine al caricamento dei materiali sull’ebook.
  • lavoro individuale e autonomo degli alunni, a casa e a scuola, per realizzare i loghi, i loro avatar, le presentazioni personali, per dare il proprio contributo alla presentazione condivisa sulle abitudini digitali, per condividere le proprie aspettative sul progetto, per suggerire un hashtag del progetto.

Risultati e valutazione

Il progetto ha avuto un impatto straordinario sugli alunni e sulla professionalità dei docenti coinvolti. In particolare si è riscontrato un ampliamento degli orizzonti culturali di tutti i partecipanti e il miglioramento evidente della motivazione degli studenti, delle loro capacità di lavoro di squadra, delle loro competenze linguistiche e delle loro abilità sociali. Un impatto c’è stato anche sulla scuola dato che le attività progettuali hanno avuto grande visibilità nei rispettivi istituti partner.

La valutazione è avvenuta attraverso un monitoraggio in itinere del coinvolgimento attivo degli alunni nelle varie attività e di tutti i feedback forniti durante le chat e le videoconferenze. Inoltre, è stato somministrato un sondaggio iniziale e intermedio i cui risultati hanno permesso ai docenti di modificare le loro strategie di insegnamento e modellare la pianificazione delle attività a seconda delle esigenze che emergevano.

Prodotto finale della collaborazione:

>> E-BOOK collaborativo

Curiosità e aneddoti

Nel secondo racconto le sei celebrità del passato si recano da Greta Thumberg a bordo di un’auto con i pannelli solari progettata da Leonardo Da Vinci per affrontare il problema dei cambiamenti climatici.
Una studentessa della Romania si è talmente appassionata al racconto che ha voluto ricreare un modellino in 3D dell’auto progettata da Leonardo Da Vinci. Il suo modellino di auto ricordava il design delle auto Citroen, particolare molto apprezzato dai partner francesi che, in segno di ringraziamento, hanno spedito alla ragazza della Romania una lettera e una macchinina giocattolo proprio della Citroen.

Gallery

Video e materiali multimediali (link esterni)


Pubblicato il : 13/02/2024
/

 Fake News

“Fake news” è stato un progetto interdisciplinare che ha permesso di lavorare in team e ha proiettato la scuola in un contesto internazionale dove poter sviluppare le competenze dei futuri cittadini d’Europa, consentendo la collaborazione tra pari e potenziando sia le competenze digitali sia le competenze in lingua inglese degli alunni.

Obiettivi e attività

Obiettivo del progetto è stato trattare il tema della disinformazione nei ragazzi “nativi digitali”, quotidianamente esposti a fake news sui social per rendere i ragazzi più consapevoli e responsabili nella loro diffusione.

Il progetto si è articolato in 5 fasi :

  1. attività di icebreaking con live chat per Safer Internet Day e creazione di logo con votazione del logo del progetto;
  2. ricerca e analisi di materiale autentico di fake news con lezioni teorico-laboratoriali col fine di costruire una mappa collaborativa;
  3. squadre internazionali e confronto in videoconferenza, avviamento alla scrittura collaborativa con riflessione sulle caratteristiche di un articolo e realizzazione di poster di pubblicità progresso per mettere in guardia contro le fake news;
  4. prodotto finale, ovvero la realizzazione di digital magazine con articoli creativi di fake news realizzati dalle squadre internazionali;
  5. fase di valutazione del progetto finale per alunni e docenti e videoconferenza per i saluti finali.

Metodologia didattica

Tutte le fasi del progetto sono state anticipate da brainstorming per il confronto e la condivisione di idee. Il progetto è stato sviluppato utilizzando varie metodologie, scegliendo quelle più adatte a seconda del tipo di attività che si doveva realizzare: alcune lezioni sono state svolte secondo la metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning); altre in cui le attività erano più di tipo pratico laboratoriali e che richiedevano maggiore creatività e autonomia da parte degli studenti sono state realizzate facendo lavorare i ragazzi in piccoli gruppi promuovendo così la peer education e il cooperative learning. Inoltre, l’ambiente del TwinSpace e i suoi strumenti, come il forum, hanno favorito un’interazione continua e costante.

Risultati e valutazione

Per gli alunni coinvolti i risultati raggiunti sono stati molti, attraverso l’analisi di materiale autentico, l’osservazione di immagini e la ricerca sul web gli alunni hanno sviluppato il proprio pensiero critico e creato collaborativamente articoli di fake news in lingua inglese raccolti in un rivista digitale.
Il progetto ha contribuito inoltre a:

  • promuovere l’internazionalizzazione della scuola: le attività nella piattaforma eTwinning sono state inserite nel Piano di Miglioramento e nel PTOF triennale della scuola e inoltre è stato previsto il coinvolgimento in attività eTwinning anche di altri ordini di scuola dell’istituto comprensivo;
  • diffondere all’interno dell’istituto buone pratiche ad esempio grazie alla replicabilità di alcune attività del progetto in occasione del Safer Internet Day 2022;
  • disseminare e far conoscere sul territorio locale i risultati progettuale grazie alla pubblicazione di notizie sulla stampa locale e attraverso una video conferenza con un’altra scuola eTwinning del territorio.

>> Rivista digitale del progetto realizzata con Madmagz

>> Sintesi delle attività progettuali in un video youtube realizzato da un’alunna italiana (Giulia)

Curiosità e aneddoti

Il progetto è stato realizzato in un periodo segnato da momenti di quarantena e DAD, a causa dell’emergenza sanitaria, in questo contesto difficile è stato un valido supporto per la socializzazione dei ragazzi che hanno interagito spontaneamente con i loro coetanei francesi, attraverso i canali social, aldilà delle attività progettuali.

Gallery


Pubblicato il : 05/04/2023
/

Échanger en Francais c’est una chance!  

Il progetto si proponeva l’obiettivo di far imparare il francese agli alunni in modo completamente innovativo grazie a eTwinning.  Le attività hanno seguito la programmazione del primo anno di francese e l’uso del TwinSpace ha sostituito al libro di testo. Le attività sono state pensate per apprendere in modo collaborativo con una didattica “del fare”; sia le lezioni svolte in classe che i compiti assegnati per casa hanno coinciso con le diverse fasi di progetto. Attraverso attività collaborative sono stati realizzati dei prodotti, quali giochi, ebook ed esercizi online che sono stati anche utilizzati per attività di recupero, rinforzo e per ripasso estivo anche per le classi seconde.  Gli alunni hanno lavorato in classe utilizzando LIM e proseguendo con il lavoro a casa tramite i propri dispositivi supportati dai tutorial, questo ha portato un accrescimento delle competenze digitali e a una completa autonomia degli alunni sia nell’uso del TwinSpace che degli strumenti usati. 

Obiettivi e attività

Il progetto è ha avuto una organizzazione temporale che rispecchia l’apprendimento della LS del primo anno, tutte le attività del progetto si sono integrate perfettamente all’interno del curricolo scolastico incentrandosi su una didattica del fare. In particolare il progetto aveva i seguenti obiettivi:

  • Studiare la lingua francese in un contesto di comunicazione reale. 
  • Imparare in modo più creativo con l’uso delle TIC. 
  • Conoscere il modo di pensare di altri giovani coetanei di paesi diversi. 
  • Sviluppare la cittadinanza europea e il sentimento di appartenenza all’Europa unita. 

Metodologia didattica

L’innovazione più significativa è consistita nell’utilizzare il progetto in sostituzione del libro di testo per apprendere una lingua e riflettere sui temi dell’educazione civica. Sono state utilizzate diverse metodologie didattiche nelle varie fasi del progetto:  

  • Project Based Learning: gli alunni sono sempre stati coinvolti collaborativamente nelle attività e nel modo in cui poterle realizzare con una  discussione aperta, sempre attivi in processi decisionali o in attività pratiche, sviluppando autonomia e senso di responsabilità rispetto alla qualità del lavoro e ai tempi di consegna.
  • Problem solving: gli alunni hanno superato gli ostacoli dovendo realizzare le attività previste nelle varie fasi progettuali, il loro motto guida è stato: “Nos exercices: on apprend en s’amusant”.
  • Peer education: in particolare per alcune attività, quali quelle in gruppi transnazionali “Nos personnages préférés” e il gioco conclusivo, il confronto/supporto con i coetanei alla pari è stato fondamentale.
  • Cooperative learning: si attuato in vari momenti, particolarmente significativo è stato per la realizzazione del gioco “Devine c’est qui?”, per il quale sono stati assegnati diversi ruoli agli alunni, che in gruppo sono riusciti a realizzare ottimamente l’attività.
  • Gamification: in varie attività è stato usato il gioco per apprendere o recuperare/approfondire gli argomenti.
  • Learning by doing: i ragazzi hanno appreso mettendo in pratica ad esempio dovendo interagire nel forum facendo domande e fornendo risposte sui temi affrontati.

Grazie a queste metodologie gli alunni hanno sempre partecipato da protagonisti, sia individualmente sia con attività di coppia e attraverso lavori in gruppi transnazionali. Inoltre, il TwinSpace è stato la loro classe virtuale e ne hanno utilizzati i vari tools digitali (forum, TwinBoard, sondaggi, riunioni virtuali etc) per interagire con i partner oltre a altri strumenti esterni.

Risultati e valutazione

Il progetto ha permesso agli alunni di apprendere la lingua francese in un ambiente dinamico e innovativo, che ha consentito agli alunni di migliorare progressivamente le competenze scritte e orali in lingua francese sviluppando inoltre molteplici altre competenze, come quelle digitali e civiche. Il gruppo classe e i gruppi di lavoro transnazionali hanno imparato a collaborare e rispettare le scadenze e a ricercare ed elaborare informazioni dal web in maniera sicura e rispettosa del copyright. 
I risultati del progetto sono stati diffusi a livello locale e regionale nei rispettivi paesi: l’Alliance française e l’Institut Français, di tutti i paesi partner hanno dato visibilità al progetto e ne hanno valorizzato il percorso educativo. Un altro aspetto significativo è stato il coinvolgimento attivo dei colleghi di sostegno Il progetto ha avuto un’ottima ricaduta sui ragazzi diversamente abili, i docenti di sostegno hanno utilizzato più volte nel corso dell’anno le attività/giochi linguistici del progetto. Alcuni prodotti del progetto costituiscono materiale didattico utile in futuro anche per altre classi e per attività di approfondimento o ripasso. L’attività di valutazione finale è stata realizzata attraverso questionari di gradimento che hanno indicato una grande soddisfazione sia da parte degli alunni che dei genitori.

>>eBook con tutte le attività del progetto – Book Creator

>> Infografica sulla Netiquette – Canva

>> Un esempio di gioco 1 – Genially

>> Un esempio di gioco 2 – Genially

>> Attività di disseminazione del progetto – sito della scuola

Curiosità e aneddoti

Ecco alcune frasi tratte dalle interviste e dai questionari di gradimento:

“Questo progetto mi ha permesso di esprimere la mia creatività, mi sono sempre sentito libero e non giudicato, questo mi ha permesso di imparare più facilmente e in modo migliore” Alunno

“Questo progetto mi ha fatto sentire protagonista, mi ha permesso di imparare giocando, mi ha fatto conoscere tanti amici europei, mi sento molto fortunata ad aver avuto la possibilità di partecipare a questo progetto” Alunna 

“Trovo il percorso interessante e arricchente per i ragazzi, un modo per mettersi in gioco e mettere in pratica ciò che si è imparato” Genitore

“Bellissima iniziativa, magari averla avuta quando andavo a scuola io!” Genitore

Gallery


Pubblicato il : 21/02/2023